Le esigenze e potenzialità dell’essere umano

Quello che segue è il sermone sul digiuno, tenuto dall’Imam Musa Al-Sadr nella cattedrale latina di Marluis dei Padri Cappuccini a Beirut il 19 febbraio 1975, su invito dell’arcivescovo Bassim, all’interno di una serie di conferenze aventi come tema il grande digiuno.

Ti lodiamo Dio e Ti ringraziamo, nostro Signore, Dio di Abramo e di Ismaele, Dio di Mosè, Gesù e Muhammad, Signore degli oppressi e Signore dell’intero creato. La Lode appartiene a Dio, che rassicura chi ha paura, che salva i buoni, che innalza gli oppressi, che umilia i superbi, che fa perire i re e li sostituisce con altri. La lode appartiene a Dio, che sprezza i tiranni, che annienta gli oppressori, che raggiunge i fuggitivi, che infligge una punizione esemplare agli ingiusti, che soccorre chi chiede aiuto.

Ti lodiamo Dio nostro Signore, in quanto ci hai donato il successo con la Tua Divina Provvidenza, ci hai radunato con la Tua Guida, hai unito i nostri cuori con il Tuo Amore e la Tua Misericordia. Eccoci incontranti le Tue mani in una delle Tue case, nel periodo di digiuno a Te dedicato. I nostri cuori a Te si rivolgono, le nostre menti da Te ricevono la luce e la guida, considerando che ci hai invitato a camminare vicini nel servire il Tuo creato e di andare d’accordo per la gioia delle Tue creature.

Allora, alla Tua porta abbiamo bussato e nei luoghi di preghiera da Te indicati abbiamo pregato. Ci incontriamo per l’essere umano a cui erano rivolte le religioni, una sola all’epoca – l’una annunciava quella successiva e l’altra confermava quella precedente – e con essa Dio trasse gli esseri umani dall’oscurità alla luce, li salvò da molte discordie sterminatrici che dividevano e insegnò loro di seguire il sentiero della pace.

Le religioni erano una sola, in quanto questa serviva per il raggiungimento di un unico obiettivo: avvicinarsi a Dio e servire l’essere umano, entrambi essendo due facce di un’unica verità. Le differenze tra le religioni sorsero quando si misero a servire se stesse, crebbe l’interesse in loro stesse a tal punto da mettere a repentaglio il vero scopo, aumentarono e si intensificarono i contrasti e accrebbero le afflizioni dell’essere umano e della comunità. Le religioni erano una sola, che aveva un unico obiettivo: la guerra alle “divinità” della terra e agli oppressori (taghut) e il sostegno ai diseredati, entrambi essendo due facce di un’unica verità.

Quando le religioni ebbero la meglio e con esse vinsero anche i diseredati, essi trovarono che gli oppressori cambiarono l’abito di guerra, capirono che ciò andava a loro beneficio e iniziarono a governare in nome delle religioni issandone la bandiera: con ciò ebbe luogo la grande dura prova per gli oppressi, e le religioni vennero colpite da afflizione e discordie. Non vi sono contrasti che per alimentare gli interessi dei profittatori. Le religioni erano una sola perché il principio è che Dio è uno, il destinatario è uno – l’essere umano – e uno è il cammino dell’universo. Quando dimenticammo lo scopo e ci allontanammo dal servire l’essere umano dimenticammo Dio ed Egli si allontanò da noi, diventammo tanti gruppi e diversi sentieri, fummo afflitti, ci furono divergenze fra noi e dividemmo l’universo; accontentammo gli interessi personali, adorammo delle divinità al di fuori di Dio e schiacciammo l’essere umano fino alla sua lacerazione.

Adesso torniamo alla giusta via, torniamo all’essere umano affinché Dio torni da noi; torniamo all’essere umano sofferente per salvarsi dalla punizione divina. Troviamo un punto comune nell’essere umano oppresso, schiacciato e lacerato per trovarci in ogni cosa, per trovarci in Dio, e allora le religioni diventano una. “Ad ognuno di voi abbiamo assegnato una via e un percorso. Se Dio avesse voluto avrebbe fatto di voi una sola comunità. Vi ha voluto però provare con quel che vi ha dato. Gareggiate in opere buone: tutti ritornerete a Dio” [Sacro Corano; Sura La Tavola Imbandita, 48].

In questo momento, nella chiesa, nei giorni di digiuno, durante il sermone religioso e su invito da parte dei devoti responsabili, mi trovo al vostro fianco nel mezzo del cammino. Trovo me stesso nel ruolo di predicatore, ma anche di chi riceve insegnamenti, di chi parla ed ascolta. Parlo con la lingua e ascolto con il cuore. La storia ci è testimone, allora ascoltiamola; poi testimoniamo per lei, che a sua volta ci darà ascolto.

La storia testimonia che il Libano è la nazione dell’incontro, il paese dell’essere umano, la patria degli oppressi e il rifugio per chi ha paura. In questo clima e in questo sublime orizzonte possiamo ascoltare i puri inviti celesti, poiché siamo vicini alle sorgenti. Ecco che il nobile [Gesù], magnificato sia nell’amor suo, grida irritato: “No! Non si può amare Dio e odiare l’essere umano”. Allora la sua voce echeggia nelle menti e quindi si solleva un’altra voce, la voce del Profeta della misericordia [Muhammad]: “Non crede in Dio e nel Giorno del Giudizio chi è sazio mentre il suo vicino è affamato”.

Le due voci interagiscono con il passare del tempo fino a quando l’eco della loro voce si manifesta nelle parole di un grande Pontefice, che in occasione del digiuno disse: “Il messia e il povero sono una sola persona” e nella sua illustre lettera “Popolorum Progressio” si infuria per la dignità dell’essere umano e come Gesù nel Tempio dice: “Grande è la tentazione di respingere con la violenza simili ingiurie alla dignità umana” e dice ancora: “Meno umane: le strutture sono oppressive, sia che provengano dagli abusi del possesso che da quelli del potere, dallo sfruttamento dei lavoratori che dall’ingiustizia delle transazioni.” È forse diversa questa pura voce da ciò che è menzionato nelle solide fonti islamiche? “Io sono presso coloro che hanno il cuore afflitto.

Io sono presso il malato nella sua guarigione, presso il povero nel suo soccorso e presso il bisognoso nel soddisfare la sua necessità.” Invece per quanto concerne il metodo, fu ritenuto che ogni sforzo per affermare la giustizia e sostenere gli oppressi fosse come una lotta nel sentiero di Dio e una sincera preghiera. Dio è l’unico garante per la vittoria. Tramite queste testimonianze torniamo all’essere umano per cercare la forza che opprime e la forza che divide; l’essere umano, questo dono divino, questa creatura plasmata negli attributi sulle sembianze del Creatore e vicario di Dio sulla terra, l’essenza dell’esistenza e l’inizio della società, la meta e il motore della storia. Questo essere umano equivale a tutte le sue energie, non dal punto di vista filosofico o fisico come è inteso in questo nostro secolo sotto forma di scambi o trasformazioni tra materia ed energia, bensì per quello che confermano le religioni e le esperienze scientifiche, “invero, l’uomo non ottiene che il frutto dei suoi sforzi” [Sura La Stella, 39], ovvero che le opere sono eterne e che l’essere umano non vale niente se non per la luce che emana agli orizzonti.

Perciò più custodiamo e accresciamo le potenzialità dell’essere umano più l’onoriamo e lo rendiamo eterno. La fede nella sua dimensione celeste fornisce all’essere umano l’illimitatezza nei sentimenti e nelle ambizioni, una eterna speranza, un annullamento delle preoccupazioni, una completa sintonia con se stesso e con i suoi simili da una parte e con se stesso e tutte le creature dall’altra. Se la fede da un lato concede all’essere umano una elevata posizione e bellezza, dall’altra essa protegge e custodisce l’essere umano, rendendo doverosa la sua salvaguardia. La fede è assente qualora dovesse venire meno l’impegno nel servire l’essere umano.

Tutte le potenzialità dell’umanità e di ogni essere umano devono essere custodite e sviluppate; per questo motivo troviamo che il principio della ricerca della perfezione è presente fin dalle prime rivelazioni, giungendo a questo benedetto messaggio da parte del Santissimo Padre dove viene riportato: “E’ necessario, per raggiungere un autentico progresso, che esso sia completo, ovvero che fortifichi ogni essere umano e l’intera umanità”. E’ per questo che troviamo che tutte le religioni hanno proibito, per esempio, il rubare, in quanto usurpa le potenzialità dell’essere umano e gli effetti che possiedono; oggi, invece, vediamo il rubare apparire sotto forma di sfruttamento e speculazione, con la scusa del progresso industriale, oppure mediante artificiali bisogni dettati dai mezzi di produzione che obbligano l’essere umano a sentire un falso desiderio che lo porta a un aumento dei consumi.

I nostri bisogni oggi non sono dettati da noi stessi, ma sono bisogni artificiali resi tali a causa dei mass-media legati direttamente alla produzione. Così ogni giorno ci vengono imposti dei nuovi bisogni che impegnano le nostre forze ed energie. L’essere umano finisce quindi per spendere tutte le sue energie senza poterle impiegare nel percorso voluto. Allo stesso modo notiamo un cambiamento radicale nelle molteplici forze che osteggiano le energie umane, distruggendole o dividendole. Tali forze rimangono uguali nella loro essenza anche mutando il loro aspetto con l’aumento del progresso.

La religione ha combattuto per esempio la menzogna, l’ipocrisia, l’arroganza e la superbia le quali, se analizzate nella loro essenza, ci portano a comprendere quanto questi attributi influenzino le energie della persona e della società. La menzogna falsifica le realtà e le energie predisposte per un interscambio tra gli essere umani. L’essere umano di solito cresce nel donare e ricevere tali energie che purtroppo vengono falsificate dalla menzogna finendo per diventare sconosciute e corrotte.

Si alterano quindi gli elementi di interscambio e le energie. Orgoglio e arroganza invece paralizzano l’essere umano che sente di aver raggiunto un livello di autosufficienza, e allora l’arrogante si rifiuta di ricevere e quindi di perfezionarsi e la gente si rifiuta di ricevere da lui e perfezionarsi per suo tramite. Quindi non vi è spazio né per la ricezione né per la donazione. Questa è la morte delle capacità e potenzialità dell’essere umano. Anche gli altri vizi simili alla menzogna, ipocrisia, arroganza e superbia hanno questo effetto.

Un altro esempio è la libertà, che rappresenta il clima adatto per accrescere le potenzialità dell’essere umano e palesare le sue doti quando vi è l’occasione. Tale libertà è stata sempre soggetta ad aggressioni e veniva usurpata da parte degli altri con pretesti vari, poiché rappresenta l’atmosfera adeguata per arricchire le potenzialità dell’essere umano, le sue energie e le sue doti, ed infatti essa può essere ritenuta la madre di tutte le potenzialità. Ci furono quindi le battaglie e gli amari conflitti.

Quando viene usurpata la libertà dell’essere umano le potenzialità della persona e della società sono limitate allo spazio concesso dall’usurpatore della libertà, con l’inevitabile ridimensionamento della persona e della società. Quando l’essere umano rifiuta questo ridimensionamento e tenta – nei limiti della propria fede – di delimitare le oppressioni di questa forza separatrice e distruttrice, in realtà egli difende la nostra umanità e protegge le potenzialità e la dignità dell’essere umano, al di là delle dimensioni e delle forme che assumerà questa forza con il prolungarsi del tempo.

Le forme che limitano la libertà e distruggono l’essere umano sono mutate nel corso della storia: si è passati dalla tirannia alla colonizzazione, dal feudalesimo al terrorismo intellettuale, fino alla rivendicazione di rappresentare la gente accusandola di immaturità intellettuale, dal neocolonialismo all’imposizione delle loro posizioni ai singoli e ai popoli attraverso pressioni economiche, culturali e intellettuali, dalla politica di abbandono e di rimozione totale o parziale delle opportunità dalla gente fino a giungere a tenere nell’ignoranza e privare la gente dell’igiene, della dinamicità e dello sviluppo… diversi sono i modi e le forme per usurpare la libertà e distruggere le energie. Il denaro, il più grande idolo, che il Messia considera un impedimento per entrare nei regni dei cieli più di quello che si avrebbe nel cercare di far entrare un cammello nella cruna di un ago. Questo denaro è una sedizione.

Se è sfruttato nei limiti e nei posti adeguati risulta una grazia e una misericordia, se invece dovesse diventare lo scopo, allora verrebbe adorato all’infuori di Dio e per l’essere umano diverrebbe il più santo tra i santi, finendo per dipendere da esso orbitandovi intorno. Il denaro iniziò a crescere a scapito delle altre esigenze della persona e dell’umanità, diventando una forza schiacciante e separatrice che influenza profondamente la vita della gente facendo valere la regola del più grande che mangia il più piccolo. Lo stesso effetto hanno tutte le esigenze umane che crescono a spese di altri bisogni.

Ogni esigenza rappresenta una spinta e una scossa che alimenta il movimento dell’essere umano nella vita; se però questa esigenza dovesse crescere a scapito di altre, produrrebbe dei disastri. Questa è in effetti la causa della nostra grande responsabilità di fronte al potere, alla ricchezza, al prestigio, all’autorità e ad altre tentazioni umane. Se la fede, che crea un legame e un contatto costante tra Dio e l’essere umano, non diventa la base e la radice della nuova civiltà, avremo una civiltà fragile. Osservando la storia, vediamo che nella civiltà moderna ci troviamo di fronte ad una crescita monodimensionale dell’essere umano.

La politica, l’amministrazione, il mercato e la costruzione hanno una crescita squilibrata perché non basate sui principi della fede, che è la fonte dell’equilibrio e dell’ordine al servizio di tutti. La politica, l’amministrazione, il mercato e la costruzione si sono trasformate in colonialismo, in guerre, in ricerca di nuovi mercati e in una pace con corsa agli armamenti. Questo ha fatto diventare la vita dell’umanità completamente immersa tra guerre calde e guerre fredde e tra il sanare le ferite e la corsa agli armamenti. L’amore del sé, che è il motore della ricerca della perfezione per l’essere umano, quando si trasforma in egoismo diventa problematico. Subentrano quindi gli scontri, le discriminazioni razziali, il disprezzo degli altri, gli amari conflitti dalla famiglia alla comunità internazionale, che sono tutti conflitti di diverse forme ma con un’unica origine. Questi conflitti, che sono stati considerati come parte integrante della creazione, sono una conseguenza dell’amore del sé trasformato in adorazione dell’io.

L’egoismo colpisce anche la società; essa è stata costruita per servire l’essere umano il quale ha un senso innato di appartenenza alla comunità poiché egli ha due dimensioni: una individuale e un’altra comunitaria. Quando l’egoismo si impossessa profondamente della società sorgono allora dei problemi in vari ambiti. Si passa dall’egoismo individuale a quello familiare, tribale, confessionale e religioso, che hanno trasformato i valori celesti in attributi terresti, svuotando la religione del suo contenuto e distruggendo i valori nobili.

Lo stesso settarismo, che commercializza i valori religiosi, alla fine diventa un nazionalismo egoista. Anche il patriottismo, che è una delle più nobili caratteristiche umane, si trasforma in razzismo, a tal punto che la persona giunge ad adorare la propria patria al posto di Dio ed è pronta a costruire la grandezza della propria patria e civiltà sulle rovine delle nazioni e civiltà altrui, ed elevare il livello del proprio popolo a costo di impoverire gli altri popoli. Il nazismo, che ha incendiato più volte il mondo, è uno dei chiari esempi di questo razzismo. Noi abbiamo adorato questi sentimenti egoistici che si sono trasformati in catene e distruzioni, ma l’amore del sé, l’amore per i genitori, per la famiglia, l’amore per la comunità, il patriottismo e l’appartenenza nazionale sono attitudini benevole nella vita dell’essere umano se rimangono nei giusti limiti.

A questo punto possiamo fare luce sul titolo scelto per questa conferenza: “Le esigenze e le potenzialità dell’essere umano”. Una società che abbraccia l’essere umano deve essere coordinata nel suo insieme, laddove anche la persona deve essere in sintonia con se stessa. Ogni volta che l’essere umano dà più spazio ad una esigenza a scapito di altre, ogni volta che la persona o le sue esigenze crescono a scapito delle altre persone ed ogni volta che crescono i gruppi o le loro esigenze a scapito di altri gruppi, si finirebbe invece nel disastro.

L’equilibrio si ottiene con la sensibilizzazione, permettendo all’essere umano di percepire il dolore degli altri come il proprio. Questo è quello che viene richiesto dal digiuno. Questo equilibrio è la garanzia per la salvaguardia della crescita coordinata della persona e della comunità. La nostra nazione è il Libano, il Paese la cui prima ed ultima riserva è l’essere umano che ha scritto la gloria del Libano con il suo sforzo, la sua emigrazione, i suoi pensieri e le sue iniziative. L’essere umano è colui che deve essere custodito in questa nazione.

L’umanità è una ricchezza non solo per la nazione, ma anche per la persona, che ha come ricchezza la propria umanità. Per questo i nostri sforzi in Libano sono indirizzati a tale scopo, partendo dai luoghi di culto, ma anche dalle università e dalle istituzioni. Il nostro sforzo è indirizzato nel salvaguardare il Libano e custodirlo, salvaguardandone l’essere umano che vive nelle varie sue regioni dalle differenti potenzialità. Perciò, se vogliamo preservare il Libano, esercitare il nostro spirito nazionale e applicare il nostro senso religioso tramite i principi che si sono affrontati, allora dobbiamo custodire l’essere umano in Libano con tutta la sua umanità e la sua potenzialità.

Vivendo in Libano osserviamo ogni giorno delle privazioni che sono dovute ad una negligenza nell’amministrazione, e la responsabilità è di tutti. Come abbiamo sentito nel benedetto discorso per l’essere umano la severità è consentita nei limiti necessari e a condizione che non lo danneggi. Le regioni dove viviamo e vive la nostra gente sono un bene che noi e i responsabili [del paese] dobbiamo tutelare.

Per Dio e per la patria occorre proteggere il sud e tutte le regioni, pertanto occorre essere attenti nella progettazione e nella realizzazione, poiché un’errata progettazione ed esecuzione generano due tradimenti: un tradimento che porta ad una corruzione diretta, e un altro che fa perdere delle opportunità agli altri e porta allo spreco di denaro e ad una mancanza dei diritti pubblici. Imporre delle iniquità, in qualunque modo esse vengano presentate, causa discordia. Il Libano, la nazione dell’uomo e dell’umanità, mostra la realtà umanitaria tramite il confronto vissuto con il nemico, scoprendo che egli è basato su una società razzista che esercita l’oppressione e la divisione in ogni sua forma: finanziaria, culturale, politica e militare.

Ha avuto perfino il coraggio di distorcere la storia, ebraizzare la Santa Quds (Gerusalemme) e distruggere i suoi antichi reperti. La nostra patria deve essere allora custodita non solo per Dio e per la persona che ci vive, ma per l’intera umanità, per svelarne la vera immagine e sfidare chi la vuole distorcere. Ora ci troviamo davanti ad una opportunità irripetibile: l’inizio di una nuova fase del Libano. Troviamo un denominatore comune nell’essere umano con tutte le sue caratteristiche. Incontriamoci per l’essere umano in Libano, nel sud, a Hermel, ad Akkar, nelle periferie di Beirut, a Karentina, a Hay Assullum. Nessun essere umano è escluso o classificato, preserviamo quindi l’essere umano del Libano per proteggere questa nazione, una nazione che la storia e Dio ci hanno affidato. La Pace, la Misericordia e la Benedizione di Dio siano su di voi

دیدگاهتان را بنویسید

نشانی ایمیل شما منتشر نخواهد شد. بخش‌های موردنیاز علامت‌گذاری شده‌اند *